Tortelli di patate su fonduta di pecorino

La ricetta dei tortelli ripieni di patate di Bologna DOP e qualche foglia di maggiorana che dona freschezza alla preparazione. Li ho serviti su una fonduta di pecorino fresco che rende il piatto più saporito e ricco.

Continua a leggere

Tagliolini alle ortiche con prosciutto

La ricetta dei tagliolini verdi col prosciutto, in cui il sapore fresco e verde dell’ortica crea un contrasto interessante con la salinità del prosciutto.

Continua a leggere

Maltagliati con ragù di costine

Il ragù con le costine di maiale è un piatto povero ma gustoso e sostanzioso tipico della tradizione culinaria popolare emiliana.

Continua a leggere

Pasta al gorgonzola con salvia fritta

La pasta al gorgonzola è così cremosa che viene, in genere, servita insieme a qualcosa di croccante: noci tritate, pancetta croccante, speck, salsiccia saltata in padella. Ma avete mai provato ad abbinarla alla salvia fritta?

Continua a leggere

Linguine alle carote e curcuma

Se siete alla ricerca di un primo velocissimo e facile da preparare, goloso ma perfetto anche per chi segue un regime alimentare e dietetico particolare, le linguine alle carote e curcuma sono quello che fa per voi!

Continua a leggere

Pasta al forno con la mortadella

Ogni volta che in casa parliamo di pasta al forno, non possiamo non ricordare la pirofila colma di pasta fumante e profumata che ci preparava la prozia Palmina per il pranzo della domenica, quando tutta la famiglia si riuniva. Un odore traboccante di ragù e besciamella usciva dalla finestra della cucina, ci veniva a prelevare…

Continua a leggere

Rosette al forno con prosciutto cotto e funghi porcini

Un’altra bella amicizia che mi porto dietro dai tempi in cui lavoravo a Camposanto è quella con Angiolina Parigi, sorella di Edda, con cui forma – manco a dirlo – la coppia delle Parigi sisters! Ufficiale di stato civile la prima, Miss Protocollo la seconda, sono state per anni e anni dispensatrici di parole franche…

Continua a leggere

Tagliatelle con gambuccio e limone “alla romagnola”

Mio babbo si chiama Anacleto. Googlando in rete ho scoperto che è un nome greco, poi latinizzato, che significa “invocato, chiamato” e se penso a quante volte al giorno mia mamma lo chiama sono sempre più convinta che nel proprio nome ognuno di noi c’ha scritto il suo destino. Secondo altri, Anacleto significherebbe “privo di colpa,…

Continua a leggere